immagini // Scintille bianche, verde profondo e… L’inverna (Ul quart vèent) di Paolo Pozzi…

Oggi il lago è  rumoroso, pretende di essere osservato, mi attira con scintille bianche e allunga il verde profondo, ma come è possibile che dentro quella ferita nel legno alla deriva si accomodi una stilla luminosa…?

Verso la piazza delle giostre mi fermo per un caffè, il viavai del grande mercato festivo è creazione naturale e fatica e mi godo in santa pace l’odore dei chicchi macinati di fresco.

Aspetto Vincenzo che arriva e mi fa vedere un libro appena comprato a metà prezzo, ne leggo qualche pagina, mi colpisce una poesia sul Lago Maggiore, ultimamente i versi in dialetto accolgono come una ferita nel legno i miei riflessi d’animo…

Setà ‘n sül pràa, da fö du la me cà,

a guardi ul làagh ca’l cambia da culùur:

l’è ciar, l’è scüür, l’è blö strìaa d’argèent,

par ‘na nivula bianca e la curèent.

Pö pensi: in fund a l’è la vita,

ca la sumea a la curent, al làagh!

A la ta porta avanti ‘dasi ‘dasi,

che ti, senza pensaagh senza vuréll,

a Sest set ritruvàa: senza savéll.

Vedi ‘na riga bianca in fund al làagh,

la par ‘na vela , riéssi mia a capì;

cunt una bela Inverna inturna a mi

me piasaress ciapala e turnà in sü,

vers Ghiffa, Canobi, vers Brissàagh;

girala insomma!

Ma urmai, pürtropp, gh’è calaa ‘l vèent.

E mi, ca ma senti ul cöör in mezz al làagh,

sun chi settàa, davanti a la me cà,

ca ma fó purtà in gió du la curèent.

Védasch da Stresa, Giügn 1995

dalla raccolta “Gli aghi” di Paolo Pozzi (Macchione Editore).

reiv

foto iucudi

Be the first to comment on "immagini // Scintille bianche, verde profondo e… L’inverna (Ul quart vèent) di Paolo Pozzi…"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*