incontri, eventi // a TAINO per il Festival IL LAGO CROMATICO lo spettacolo (nel segno del ricordo) UNA CORTE DI GIUSTI “Ada e le stelle”… VENERDI’ 14 SETTEMBRE

Una Corte di Giusti “Ada e le stelle” è una serata di teatro, letture e musica, incentrato sul racconto narrativo scritto da Lorenzo Franzetti sulla base delle interviste agli ultimi protagonisti viventi della storia che vide come protagonista la famiglia Crema dal 1938 al 1943.

La famiglia Crema, di origine ebrea e proprietaria di alcune fornaci ad Ispra, fu perseguitata dopo le leggi razziali e in parte fu costretta a fuggire in Svizzera. Arrigo Crema era sposato con Maria Bielli di Taino, proveniente da una famiglia di ferventi cattolici, e dal loro matrimonio nacquero Ada, Rino, Franco e Maria Grazia. I bambini furono battezzati poco dopo l’istituzione delle leggi razziali, ma non bastò e vennero nascosti per lungo tempo nel granaio di Virgilio Bielli, detto Firel, a Cheglio, presso la cascina di proprietà della famiglia Bielli, grazie alla complicità e alla collaborazione dei residenti di quel cortile e alla collaborazione di una ragazzina, Piera, originaria della Valtellina, assunta come bambinaia dalla famiglia Crema. Tutto il paese era a conoscenza della presenza di questi bambini, compreso il podestà e il segretario del fascio, ma nessuno denunciò nulla; l’intera popolazione anzi li protesse con il più assoluto silenzio e volutamente ignorando che portavano un cognome ebraico. Il podestà di Ispra, Rocco Armocida ebbe un ruolo fondamentale nella vicenda, in quanto fece falsificare i cognomi dei ragazzi in Bielli, consigliò la fuga alla famiglia e rimase in contatto con la moglie di Arrigo, la signora Bielli, avvertendola delle situazioni di pericolo: dopo il 25 aprile, infine, rivelò alla madre dei bambini nascosti, che i nomi dei suoi figli comparivano nella lista delle persone da giustiziare, compilata dai tedeschi. La loro esecuzione sarebbe dovuta avvenire il 1°maggio 1945, al Lavorascio di Ispra.

Da questa vicenda è nato l’evento che verrà portato in scena venerdì 14 settembre proprio nel cortile della Cascina dove sono stati nascosti i bambini (in via Pasubio, frazione Cheglio).

La serata vedrà protagonisti Daniela Tusa, voce recitante, Nadio Marenco, fisarmonica, il Coro di Voci Bianche Stringhe Colorate di Ranco, il Coretto Santo Stefano di Taino e la partecipazione di Giovanni Bloisi di Varano Borghi, famoso in tutto il mondo per aver fatto della sua passione, la bicicletta, il mezzo per non dimenticare gli orrori della Shoah, grazie ai suoi lunghi viaggi alla ricerca di testimonianze, ma anche di solidarietà nei confronti degli ebrei perseguitati, soprattutto dei bambini.

L’evento realizzato dall’Associazione Musica Libera all’interno della programmazione del Festival Il Lago Cromatico e in collaborazione con il Comune di Taino (VA), sarà ad ingresso gratuito ed inizierà alle ore 19.00 con aperitivo ebraico offerto dall’Associazione “Gruppo Anziani Casa Rosa di Taino”.

Inizio spettacolo ore 21.00.

In caso di maltempo l’evento si terrà presso il Teatro dell’Olmo di Taino.

www.illagocromatico.com

Be the first to comment on "incontri, eventi // a TAINO per il Festival IL LAGO CROMATICO lo spettacolo (nel segno del ricordo) UNA CORTE DI GIUSTI “Ada e le stelle”… VENERDI’ 14 SETTEMBRE"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*