incontri, eventi // al Museo Archeologico di ANGERA inaugurazione del nuovo allestimento “La Collezione Pigorini Violini Ceruti”… DOMENICA 14 APRILE

Al Museo Archeologico di Via Marconi 2 sarà presentata al pubblico la Collezione Pigorini Violini Ceruti, in onore del concittadino Ugo Violini che, nel 2017, ha lodevolmente donato al Comune alcuni reperti archeologici e lettere autografe dell’esimio archeologo e padre della preistoria italiana Luigi Pigorini, nipote di Luigi Pigorini medico condotto di Angera.

“Questa collezione costituisce il primo nucleo di beni archeologici di proprietà comunale e per il nostro Museo rappresenta una acquisizione di notevole valore storico, culturale e simbolico. Si tratta infatti, per la maggior parte, di reperti provenienti da scavi effettuati negli anni ’70 dell’800 nella necropoli di Angera, che, a parte rare eccezioni, videro la dispersione quasi totale dei reperti. Questa importante donazione conferma inoltre l’attenzione degli angeresi per il proprio patrimonio storico e aiuta a comprendere meglio insieme quale sia il ruolo delle istituzioni e quale possa essere il contributo dei privati nella valorizzazione del patrimonio locale” ha dichiarato l’Assessore alla Cultura Valeria Baietti

Alle ore 17.30, prima della inaugurazione del nuovo allestimento, la dottoressa Daniela Locatelli, funzionario archeologo della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e paesaggio per la provincia di Varese ricostruirà brevemente la storia della normativa in merito alla proprietà e alla valorizzazione dei beni archeologici, oltre che alla loro ricerca e musealizzazione. Verranno inoltre citate alcune figure incaricate di sovrintendere alla tutela dell’Eredità culturale collettiva e ricorderemo così Alda Levi, alla quale vanno grandi meriti anche nel territorio angerese e varesino.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

“Dalla firma della Convenzione di Faro” ha dichiarato Cristina Miedico, del Museo Archeologico di Angera “il patrimonio culturale è definito come Eredità culturale collettiva e riguarda tutti, a prescindere dal ruolo e dalla proprietà pubblica o privata del bene. La donazione di Ugo Violini alla Città è un esempio di come sia possibile lavorare insieme, per preservare ai posteri beni, oggetti, memorie, mestieri, che costituiscono l’identità culturale locale”, dichiara.

La stessa domenica, alle ore 15.00, riprendono i laboratori didattici, e per l’occasione sarà possibile cimentarsi nella realizzazione di un piccolo Museo personale, grazie al laboratorio “Il Museo mio per tutti, come lo vorrei?”La partecipazione è gratuita ma è necessario prenotare scrivendo una email a museo@comune.angera.it o telefonando al numero 320 4653416.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *