incontri, eventi // all’Auditorium Comunale di MACCAGNO presentazione-concerto del libro “Romanza senza parole – Monologo con l’Alzheimer” di Annalina Molteni… VENERDI’ 14 SETTEMBRE

Venerdì14 settembre alle ore 21.00 all’Auditorium comunale di Maccagno (Via Pietro Valsecchi 23) è in programma una serata che mette insieme un libro, un concerto, una relazione medica e un argomento molto dibattuto: il morbo di Alzheimer.

Il libro è “Romanza senza parole – Monologo con l’Alzheimer” di Annalina Molteni, edito dal Magazzeno Storico Verbanese; il concerto è del pianista Adalberto Maria Riva che eseguirà brani di Schubert, Brahms e Fanny Mendelsson; la relazione medica è a cura del professor Orlando Deldon, neuropsichiatra. Tre punti di vista diversi per parlare di una malattia in continuo aumento sia in Italia che nel resto del mondo, che genera nelle famiglie problemi gravi di gestione di ammalati disorientati e spesso agitati.

Nel libro l’autrice colloquia con la madre malata e segue l’evolversi della malattia con il suo progressivo e doloroso allontanamento prima dei ricordi, poi del quotidiano che precipita in un caos dove tutto è sovvertito.

I brani musicali non sono scelti casualmente, come semplice accompagnamento alla serata, ma fanno da sottofondo al racconto con una selezione tra gli autori più amati dalla madre della scrittrice, appassionata dell’Ottocento romantico. E non è un caso che la memoria musicale sia l’ultima ad averla abbandonata e che tuttora l’ascolto della musica le procuri un piacere non esprimibile a parole, ma visibile nella mimica facciale attenta e distesa.

Interverrà infine Orlando Deldon che parlerà di sintomi, cure, dati riferiti all’Alzheimer ma anche degli aspetti psicologici della malattia e di come rapportarsi a essa.

Be the first to comment on "incontri, eventi // all’Auditorium Comunale di MACCAGNO presentazione-concerto del libro “Romanza senza parole – Monologo con l’Alzheimer” di Annalina Molteni… VENERDI’ 14 SETTEMBRE"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*