luoghi e storie di lago // ad AGRA (VA) un gioello dell’architettura italiana: CASA K2 di CARLO MOLLINO

Architetto, ma soprattutto uomo curioso, appassionato di volo acrobatico e di fotografia, nonché provetto sciatore, Carlo Mollino lavorò al progetto di Casa K2 nei primi anni cinquanta del Novecento.

La villa (chiamata così in onore della spedizione italiana del 1954 sul K2) è situata sull’altipiano di Agra, nel luinese, e venne commissionata a Mollino dall’industriale Luigi Cattaneo.

Impreziosita da una vista impareggiabile sul Lago Maggiore, si sviluppa su due livelli principali che poggiano su un porticato retto da due pilastri in cemento armato.

L’intero progetto è giocato sull’attento accostamento di elementi tradizionali (quali legno o pietra locale, che riveste le pareti esterne). Casa K2 è capace di suscitare nel visitatore una sensazione di inquietudine, dal momento che comunica al tempo stesso fedeltà alle tradizioni costruttive proprie del luogo e anticipazione di una modernità, all’epoca decisamente futuristica. (dal sito www.svizzera.fai-international.org).

Si tratta di un tesoro dell’architettura italiana, una delle opere più celebri del geniale architetto torinese, conosciuta a livello mondiale e immortalata sulla copertina della prestigiosa rivista inglese The World of Interiors.

L’architetto, oltreché un poeta e matematico, dev’essere anche un meccanico, ragioniere, avvocato, becero, maestro di belle maniere, ingoiatore di rospi e charmeur, danzatore con vecchia signora, incantatore di serpenti; pena la morte se rifiuta”. Carlo Mollino

Maggiori info su Carlo Mollino: https://www.artribune.com/progettazione/architettura/2019/05/carlo-mollino-storia-italia/

In copertina foto dal sito booking.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *