luoghi e storie di lago // Ermanno Olmi e la colonia estiva sul Lago Maggiore…

La domenica mattina, quelli che aspettavano i parenti, si mettevano su un terrazzino da dove si poteva dominare quasi tutto il percorso che dalla riva del lago portava su fino alla colonia. Appena un ragazzo riconosceva nelle figurine che salivano i propri congiunti, partiva di corsa per andargli incontro. Così feci io appena vidi i miei: imboccai la scala, poi la larga carreggiata e quando alzai gli occhi mi accorsi che anche il papà mi aveva visto e accelerava il passo verso di me… “ Ermanno Olmi da “ Ragazzo della Bovisa” (2004, Mondadori Editore).

Dopo L’ albero degli zoccoli (1978), Camminacammina (1983), e il documentario Milano ’83, Ermanno Olmi iniziò a lavorare ad un film sulla Milano degli anni della Guerra, a partire da ricordi e vissuti personali.

Un progetto lasciato a metà a causa di una grave malattia che colpì il grande regista nel corso degli anni ottanta.

Ma l’ idea non fu del tutto abbandonata; sulla base della sceneggiatura dell’ opera incompiuta scrisse il romanzo Ragazzo della Bovisa (edito la prima volta nel 1986), racconto in gran parte autobiografico su luoghi, vicende private e passioni di una comunità familiare e sociale dal maggio del 1940 fino ai giorni successivi alla Liberazione.

Fra gli ambienti descritti nel romanzo una colonia della società Edison sul Lago Maggiore dove il protagonista, il ragazzo della Bovisa, soggiorna nei mesi estivi e successivamente, in qualità di sfollato, nel corso dell’ anno scolastico.

Nell’ intreccio e nei personaggi narrati dimorano ricordi ed emozioni di Ermanno Olmi (sfollato da Milano nel corso della Guerra) nonché le esperienze professionali vissute negli anni ’50 girando per conto della Edison alcuni cortometraggi sulle residenze per fanciulli gestite dal grande gruppo industriale.

Fra di essi il bellissimo Piccoli calabresi a Suna sul Lago Maggiore del 1953… trecento bambini vengono accolti nella colonia Edison in seguito ad un nubifragio che colpì pesantemente molti paesi della Calabria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *