luoghi e storie di lago // Le cave del Duomo in Expo…

Dall’ iniziale progetto di costruire il Duomo di Milano utilizzando come materiale base il mattone, Gian Galeazzo Visconti, fondatore della Veneranda fabbrica del Duomo, impose la volontà di fornire alla cattedrale nascente un’ anima e un corpo di marmo. Cedette così in uso alla Fabbrica, nel 1387, le cave di Candoglia (localizzate all’ imbocco della Val d’ Ossola) e concesse gratuitamente i diritti di trasporto dei marmi lungo le vie d’ acqua che conducevano a Milano. Il pensiero si inebria immaginando quella perfetta rete fluviale e lacustre, la cui origine dimorava nel fiume Toce per poi dipanarsi via via sulle superfici del Lago Maggiore, del Ticino e del Naviglio Grande fino all’ approdo nel cuore della città, nella darsena di Sant’ Eustorgio. Nonostante nel 1874 la Cava Madre venne raccordata con l’ abitato di Candoglia per mezzo di una strada, il trasporto via acqua proseguì fino al 1920.

Il Duomo, le Cave, miracoli dell’ architettura e della tecnica, ma anche l’ epica del lavoro, il sacrificio e la dedizione degli scalpellini con i loro mitici strumenti di impiego: picconi, mazze, punte, cunei e palandrini, utilizzati come unico complemento dell’ abilità e della forza umana fino all’ avvento delle macchine alimentate a energia elettrica. Ancora oggi la cava fornisce materia prima per la conservazione della Cattedrale, impegno che affonda e si imbeve nella storia e si avvale nella contemporaneità di competenze qualificate e tecnologie all’ avanguardia.

In occasione di Expo 2015 la cava di Candoglia sarà visitabile con un calendario di date maggiorato rispetto ai due canonici appuntamenti di luglio e settembre. Il palinsesto straordinario prevede un’ escursione al mese da maggio a ottobre 2015 da effettuare sempre il venerdì. Le iscrizioni sono aperte a tutti, è previsto un numero massimo di 25 partecipanti a visita ed è necessaria la prenotazione. Per maggiori informazioni consultare il sito dell’ Ente Parco Nazionale Val Grande.

www.parcovalgrande.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *