mostre // a SESTO CALENDE (Spazio Cesare da Sesto) “DINAMICHE SPAZIALI” opere di ALFREDO CALDIRON… inaugurazione SABATO 22 SETTEMBRE

Le opere esposte, realizzate fra il 2015 e il 2017-18, riguardano la produzione più recente di Alfredo Caldiron, pittore attivo sin dal 1958.

Il ciclo pittorico comprende opere “caratterizzate da un’accensione cromatica e da una policromia quasi inaspettata dopo un così lungo percorso sempre votato alla misura e al rispetto della realtà, anche se filtrata dal gesto pittorico. Questi lavori presentano una superficie che appare strutturata da una tassellatura fatta di inserti di diverse dimensioni e forme, dai colori decisi e intensi stesi in campiture uniformi e contornate da un bordo sempre nero, di spessori diversi, ma anche sovrascritte dallo stesso tipico segno… I quadri si muovono tra l’astratto e il figurativo, raccontando scene e paesaggi della vita quotidiana attraverso figure fortemente stilizzate, evocative certo, ma complessivamente riconoscibili nel loro apparentamento con gli oggetti e le persone del mondo reale. Si tratta di una rappresentazione sintetica, e al tempo stesso narrativa, di un universo concretamente vissuto ma la cui “reinvenzione” nel colore e nei margini improbabili lo rende quasi ideale e visionario”.

La mostra comprende una videoproiezione relativa agli schizzi preparatori dei lavori esposti e di altri ancora, per cercare di illustrare il lungo ed instancabile percorso che ha caratterizzato la ricerca personale di Caldiron.

Inaugurazione mostra domenica 22 settembre ore 17.00.

Dal 22 settembre al 15 ottobre 2018.

DINAMICHE SPAZIALI di Alfredo Caldiron a Sesto Calende, Spazio Cesare da Sesto, Piazza Mazzini.

Orari: sabato e domenica 10.30-12.30/17.00-19.00. Altri giorni su appuntamento (0331 928160).

Pagina FB Spazio Cesare da Sesto

Be the first to comment on "mostre // a SESTO CALENDE (Spazio Cesare da Sesto) “DINAMICHE SPAZIALI” opere di ALFREDO CALDIRON… inaugurazione SABATO 22 SETTEMBRE"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*