mostre // La galassia di Arp a Locarno

Fino al 23 agosto la Pinacoteca Comunale Casa Rusca di Locarno rende omaggio alla Collezione Arp-Hagenbach. Nata nel 1965, la raccolta contava originariamente sei sculture e venti rilievi dello stesso Jean Arp, oltre a un considerevole numero di opere di artisti europei che di Jean e di sua moglie Marguerite Haghenbach furono amici.

Attorno a questo primo nucleo di opere sono in seguito confluiti altri lasciti a formare un importante complemento che ne ha definito il profilo attuale. La Collezione Arp ha così assunto una propria fisionomia incentrata principalmente sull’ astrattismo e oggi, con oltre novanta opere, è in grado di proporre autori di primo piano nella storia dell’ arte europea del ventesimo secolo.

Jean Arp (Strasburgo 1887 – Basilea 1966), considerato uno dei grandi protagonisti dell’ arte del secolo scorso, deve la sua fama all’ elaborazione di un linguaggio da lui stesso definito “concreto”, a metà strada tra l’ organico e il geometrico, sviluppato tra gli inizi degli anni Trenta e la metà degli anni Sessanta a stretto contatto con alcuni fra i maggiori interpreti dell’ avanguardia astrattista del vecchio continente.

Durante il periodo della Prima Guerra Mondiale risiede ad Ascona ma è soltanto a partire dagli anni Cinquanta che consolida la sua presenza in Canton Ticino, precisamente nella villa di Solduno a Locarno, di proprietà della collezionista (e poi seconda moglie) Marguerite Haghenbach.

Squelette_et_moustaches

La mostra si apre con alcune tra le più celebri opere di Arp realizzate a Locarno durante gli ultimi vent’anni di attività: sculture in marmo, in bronzo e in gesso, rilievi, découpages e arazzi. Nella varietà delle tecniche e delle dimensioni, emerge la grande coerenza della ricerca di Arp: dall’iniziale semplice segno o dal ritaglio apparentemente casuale nascono forme che crescono e si sviluppano libere nello spazio, che progressivamente si staccano dal fondo e si trasformano in oggetti tridimensionali.

Oltre ai lavori di Arp la rassegna locarnese permette di ammirare, fra le altre, opere di Sophie Taeuber (prima moglie di Arp), Hans Richter, Francis Picabia, Josef Albers, Mondrian, Walter Helbig e Johannes Itten.

La galassia di Arp” // Pinacoteca Casa Rusca Locarno, Piazza S. Antonio / orari: da martedì a domenica 10.00-12.00 / 14.00-17.00 / entrata Fr. 8 / ridotto Fr. 5.

www.locarno.ch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *