teatro // a BORGOMANERO… “CHIMERA” di Lucilla Giagnoni… VENERDI’ 19 FEBBRAIO


Per la stagione Borgomanero a Teatro un testo ispirato al romanzo “La Chimera” di Sebastiano Vassalli scritto e interpretato da Lucilla Giagnoni.

Musiche originali Paolo Pizzimenti, produzione Centro Teatrale Bresciano.

Inizio ore 21.00, Teatro Rosmini Borgomanero (via Fornari 16).

Ingresso 20 euro.

www.borgomaneroateatro.it 

Lucilla Giagnoni, terminato il liceo, ha iniziato a recitare nella Bottega di Vittorio Gassman, lavorando con lo stesso Gassman, con Paolo Giuranna e Jeanne Morceau. Dal 1985 per quasi vent’anni ha fatto parte del teatro Settimo di Torino, compagnia diretta da Gabriele Vacis.

lucilla-4_foto-di-massimopincapost

Considero “Chimera” un nuovo capitolo della “Trilogia del paesaggio”. Il quarto di una Trilogia!

Da circa 6 anni, con gli spettacoli “In risaia”, “Nudo su paesaggio”, “Atlante”, realizzati con Bruno Macaro, sto cercando di comprendere e raccontare le ragioni delle trasformazioni del paesaggio che mi circonda, della terra dove vivo: la terra di risaia.

È un paesaggio duro e apparentemente senza volto, dove la bellezza non è di casa.

Il rassegnarsi al brutto s’infiltra come la malaria nel sangue e nelle anime degli uomini, nelle costruzioni dei paesi, nelle trasformazioni delle città, nel parlare quotidiano che raramente è pronto al sorriso.

Perché? Perché il resto di quell’arlecchino di popoli misti che è l’Italia, le proprie tragedie le canta? Forse le esalta, o forse diluisce il sangue versato con lazzi e smorfie, ma perché il resto d’Italia ama comunque cantare, recitare, far ridere, farsi vedere, offrire al mondo stesso?

Perché noi gente di pianura no? Perché?

Si può continuare a vivere in una terra che preferisce non raccontare di sé?

Afa, zanzare e nebbie; posso continuare a vivere in una terra che può trasformarsi con poco nell’anticamera dell’inferno? […] “Chimera” è la storia di una donna che, cercando di fuggire dall’inferno, ci è finita dentro: una storia molto bella, troppo, per non raccontarla. (Lucilla Giagnoni da www.lucillagiagnoni.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *