teatro // SABATO 23 MAGGIO // Giulio Cavalli a BESOZZO con “Nomi, cognomi e infami”

La biografia di Giulio Cavalli potrebbe essere condensata in quattro parole: teatro, libri, politica e legalità. Inizia il suo percorso nel 2001 con il teatro, fondando a Lodi la compagnia “Bottega dei Mestieri Teatrali”; nel 2006 si fa conoscere con Kabum!, spettacolo sulla Resistenza italiana con la direzione artistica di Paolo Rossi. Comincia così un percorso coerente nel teatro civile con testi sul turismo sessuale infantile, sul G8 di Genova e la criminalità organizzata; a causa delle minacce mafiose ricevute a seguito dello spettacolo Do ut Des del 2009, gli viene assegnata una scorta. Nell’ ottobre 2010 esce il suo primo libro Nomi, cognomi e infami; nello stesso anno viene eletto come candidato indipendente dell’ Italia dei Valori nelle elezioni regionali in Lombardia.

Lo spettacolo “Nomi, cognomi e infami” è un viaggio tra storie di persone normali diventate eroiche con la pavidità che le circonda, da Peppino Impastato a Paolo Borsellino, da Libero Grassi a Bruno Caccia… le città che cambiano forma per dare forma ai soldi da riciclare, gli episodi di mafia sottaciuti e l’ abitudine diffusa di indicare i colpevoli per esporli al giudizio pubblico.

Noi in scena proviamo a ridere e disarticolare la nostra paura.

Nomi, cognomi e infami” di e con Giulio Cavalli con il contributo di Next Regione Lombardia, Fondazione Cariplo-Etre // 23 maggio 2015 ore 21.00 / Teatro Duse di Besozzo (VA) / ingresso 10 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *