mostre // a VERBANIA (Chiesa di Santa Marta) l’esposizione “Giovan Battista Piranesi – Le Carceri di Invenzione”… da SABATO 30 APRILE

Alla Chiesa di Santa Marta (Piazzetta Menotti – Verbania Intra) una mostra a cura di Ubaldo Rodari; testo e presentazione di Claudia Corti.

Dal 30 aprile al 29 maggio 2022 con orario: da giovedì a domenica ore 16-19.

Si potranno ammirare i sorprendenti sedici fogli che costituiscono la serie completa della seconda versione delle “Carceri di Invenzione” (1761), considerate il capolavoro dell’incisore Giovan Battista Piranesi (Mogliano Veneto 1720 – Roma 1778), in una tiratura ricca di freschezza messa a disposizione da un collezionista privato.

L’esposizione rientra nel progetto 2022 del Brunitoio di Ghiffa “L’immagine grafica: racconti tra teatro e letteratura” ed è stata allestita grazie alla disponibilità e alla collaborazione del Comitato Pro Restauro di Santa Marta.

Si vedrà cosa può produrre la testa di un matto che non ha nessun fondamento”! A scrivere questo commento Luigi Vanvitelli, architetto della reggia di Caserta, una carriera ormai consolidata nella Roma papalina del 1700; il matto in questione, invece, si chiama Giambattista Piranesi, ha poco più di vent’anni e una carriera tutta da costruire quando emigra a Roma da Venezia, poca esperienza e tanta ambizione, negli occhi la meraviglia delle vedute e dei capricci di Canaletto, Guardi e Ricci, veneti come lui, ma anche delle rovine archeologiche di cui il mondo della cultura sta iniziando a comprendere l’importanza. Architetto, archeologo, pittore, designer ante litteram: sono questi i tratti salienti di una personalità fantasiosa ed eclettica che trova la sua vocazione nell’incisione, unica arte che gli consente di esprimersi liberamente dando sfogo ai suoi pensieri e desideri più reconditi. (dalla presentazione di Claudia Corti).

Pagina FB Il Brunitoio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *